Si è svolto questa mattina, presso la sede dell’Assessorato al Lavoro della Regione Puglia, un importante incontro coordinato dal Presidente della Task Force per l’ Occupazione e Crisi Aziendali, Leo Caroli, al quale ho preso parte nella mia qualità di Assessore allo Sviluppo Economico e rappresentante istituzionale del territorio ionico, per affrontare la questione relativa al rischio licenziamento per 67 dipendenti dello stabilimento di Taranto della Cemitaly SpA (già Cementir Italia SpA).
Al tavolo hanno preso parte anche i rappresentanti dell’azienda, quelli di Confindustria Taranto e delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, allo scopo di evitare che le procedure di licenziamento già avviate per questi lavoratori portassero, a partire dal prossimo 21 dicembre (data prevista per la scadenza della Cassa Integrazione Straordinaria), ben 67 famiglie sostanzialmente sul lastrico.
Purtroppo questa vicenda si è venuta a creare dal momento che lo stabilimento Cemitaly di Taranto ha sospeso le sue attività a causa della più generale crisi dell’Ilva per cui l’azienda lavorava come fornitrice, e così lo scorso 10 ottobre sono state avviate le procedure per il licenziamento collettivo di tutto l’organico del sito (pari, appunto, a 67 lavoratori).
All’esito dell’incontro svoltosi questa mattina è stato sottoscritto da tutte le parti intervenute un verbale nel quale si è convenuto di avviare la procedura prevista per ottenere l’estensione sino al 21 dicembre 2019 della Cassa Integrazione Straordinaria per tutti i dipendenti coinvolti.
Contestualmente sarà attivato un percorso di politiche attive del lavoro finalizzato alla rioccupazione dei lavoratori, con interventi formativi volti a favorire l’aggiornamento professionale e il miglioramento delle competenze dei lavoratori nell’ottica della loro rioccupabilità.
La Cemitaly, quindi, si è impegnata a revocare la procedura di licenziamento collettivo.
Sono soddisfatto per l’esito di questa riunione che ha affrontato una vertenza particolarmente difficile e delicata che rappresenta bene le conseguenze nefaste su tutta l’economia del territorio tarantino che ha prodotto la crisi che ha colpito, in questi anni, l’Ilva e il suo indotto.
Si tratta, evidentemente, solo di un primo passo per restituire serenità nell’immediato a questa platea di lavoratori ma l’auspicio è che con la ripresa a regime dell’attività della Cemitaly queste unità possano essere riassorbite nel ciclo produttivo.
La Regione Puglia ed io personalmente continueremo a seguire con grande attenzione questa vicenda e ringrazio soprattutto il Presidente della Task Force Occupazione, Leo Caroli, per il ruolo di coordinamento e di regia che ha svolto per raggiungere l’importante risultato di oggi.

Mino Borraccino
Assessore allo Sviluppo Economico
Regione Puglia

Area degli allegati

© 2018, Redazione. Tutti i diritti riservati

Commenta