Martedì 23 ottobre arriva in provincia di Taranto la “Scienza a Scuola 2018 di Zanichelli.
L’esperta del CNR Antigone Marino incontra i ragazzi del liceo Tito Livio di Martina Franca e dell’IISS Principessa Maria Pia di Taranto per raccontare “come la luce ci sta cambiando la vita”

L’appuntamento fa parte de La Scienza a Scuola: scienziati e ricercatori incontrano insegnanti e studenti delle scuole superiori d’Italia. Eventi organizzati da Zanichelli.

“Che luce sia!” Si potrebbe dire che questo sia stato il motto del novecento. Gli studi sulla luce di Newton, le grandi scoperte sulla radiazione elettromagnetica di Planck e Maxwell, trovano finalmente il loro sbocco tecnologico verso la fine del secolo scorso. I laser, le fibre ottiche, la fotografia digitale sono solo alcune delle tecnologie basate sulla luce che hanno stravolto le nostre vite. Ma come funzionano? E come è possibile che la luce, le cui straordinarie caratteristiche erano già note a greci ed egizi, abbia dovuto aspettare tanto per diventare protagonista delle nostre vite?

Lo spiegherà Antigone Marino – Ricercatrice, Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti (ISASI) del CNR presso il Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – agli studenti del Liceo Statale Tito Livio, Martina Franca (TA); dell’ IISS Principessa Maria Pia di Taranto e del Liceo Classico Francesco De Sanctis di Trani (BT). “Come la luce ha cambiato le nostre vite” è infatti il titolo dell’incontro che si terrà nelle tre scuole pugliesi.

Si tratta del primo appuntamento nella provincia di Taranto e a Trani del ciclo nazionale La Scienza a Scuola. Un tour didattico realizzato da Zanichelli, in giro per le scuole d’Italia, in cui ricercatori, docenti, divulgatori e personalità del mondo scientifico incontreranno i ragazzi per illustrare le ultime novità della scienza.
Dalle Onde Gravitazionali alla vita nell’universo.Sono alcuni degli argomenti illustrati negli oltre 60 incontri in Puglia presso gli istituti scolastici superiori italiani.

Gli incontri sono riservati agli studenti delle singole scuole.

L’esperta spiegherà come il termine luce (lux) si riferisce alla porzione dello spettro elettromagnetico visibile dall’occhio umano. Il Sole è la sorgente luminosa più grande a nostra disposizione, responsabile delle fotosintesi clorofilliana e della vita sul pianeta Terra. Sin dall’antichità era noto che la luce interagisse con la materia dando vita a vari fenomeni, tra cui i più noti sono l’assorbimento, la diffusione, la riflessione, la rifrazione e la diffrazione. Ma bisognerà aspettare l’avvento della meccanica quantistica agli inizi del XX secolo per comprendere che la luce non è solo un’onda elettromagnetica, ma possiede anche proprietà tipiche delle particelle. E così il mondo scopre il fotone, la particella che descrive la luce. Ed entra in un nuovo illuminismo tecnologico.

Prossimo appuntamento in provincia di Taranto è il 7 novembre con Maria Rosaria Masullo, ricercatrice dell’INFN di Napoli che spiegherà la Fisica degli acceleratori ai ragazzi dell’IISS D. De Ruggeri di Massafra (TA) e dell’IISS Galileo Ferraris di Taranto.

Da più di 150 anni impegnata nella didattica scolastica e nella divulgazione scientifica, la casa editrice Zanichelli, con La Scienza a Scuola ha voluto dare un importante stimolo agli studenti: l’occasione di acquisire conoscenze su argomenti affascinanti e di stretta attualità, direttamente dagli “addetti ai lavori”.

ANTIGONE MARINO
Ricercatrice, Istituto di Scienze Applicate e Sistemi
Intelligenti (ISASI) del CNR presso il Dipartimento di Fisica
dell’Università degli Studi di Napoli Federico II
Come la luce ha cambiato le nostre vite
• Liceo Statale Tito Livio
sede staccata in contrada Pergolo, Martina Franca (TA)
• IISS Principessa Maria Pia
via G. Galilei 27, Taranto

© 2018, Redazione. Tutti i diritti riservati

Commenta